(CONTATORI)

26.5.08

SPIAGGIA

La voglia di asciugarsi le ossa da tutto l'umido che sto accumulando è tantissima, sopratutto per il fatto che domenica prossima partiro' finalmente per una settimanina di vacanza al mare.
Spero di non ripetere l'esperienza dell'anno scorso con il tempo, e che inizierà davvero la primavera /estate.
La meta sarà la Sardegna ma per ora il mio abbozzo di valigia è del tipo tirolesalpino!
Comunque almeno per prepararmi psicologicamente all'impatto spiaggia/sabbia/mare venerdì con Anna abbiamo scelto un paesaggio marino. Secondo me la foto che ho trovato è stata fatta proprio in Sardegna!

Non vi dico (nè vi mostro) di un altro esperimento venuto ahimè proprio maluccio... ma forse pretendevo troppo dopo così poche lezioni!

Ecco LA SPIAGGIA




Anche qui ovviamente molte cose da migliorare ma ad Anna sono piaciuti molto i due ciuffi d'erba in primo piano. Sono acquarellosi, forse sto imparando un po' a gestire il colore e l'acqua ... o forse è stato solo un caso

Etichette:

7 Comments:

At 12:40 AM, Anonymous giafer said...

Chissà quando avrai migliorato che cosa ci proporrai visto che già in questa spiaggiata c'è il senso del colore,la prospettiva ,le tonalità.
Già si risveglia l'istinto pittorico con esuberante attenzione al particolare, continua e non smorzare la frizzante energia della tua creatività istintiva. BRAVA.!

 
At 11:17 AM, Blogger RaggioDiSole said...

Con quest'acquarello mi sembra di stare in spiaggia... ora chi mi fa tornare la voglia di lavorare?!?
Grazie, sei troppo brava :O)
Sabrina

 
At 11:49 AM, Anonymous Kitiara said...

A guardare questo tuo bellissimo acquarello la spiaggia ed il mare mi sembrano quasi belli (non mi piacciono gli originali: il mare puzza e la sabbia ti s'infila dovunque)
Kitiara

 
At 3:45 PM, Blogger Barby said...

Grazie a tutti per i commenti, direi che le marine sono soggetti che mi ispirano un sacco, io ADORO il mare e tutti i suoi annessi. Kitiara mi spiace che per te non sia così, probabilmente bisogna scegliere i mari giusti ma io ne sento il profumo di salmastro anzichè la puzza e camminare sulla sabbia oltre che trovarlo piacevole è anche molto terapeutico: leviga e massaggia la pianta del piede.
Certo, non amo le spiagge affollate, l'afa o il catrame ma se si sceglie bene (senza spendere patrimoni) secondo me si impara ad amarlo, sepcialmente fuori stagione.
Ma i gusti sono gusti, io per esempio non amo la montagna anche se ne apprezzo alcuni lati positivi...
Ai prossimi lavori!
barby

 
At 9:56 AM, Blogger RaggioDiSole said...

Barbara, anch'io sono d'accordo, che il mare non puzza, il profumo salmastro o di iodio di certe località a me fa davvero tanto bene (sono asmatica). Tant'è che quando si va al mare ci alziamo presto per fare la passeggiata mattutina e mi garantisco una sana boccata di iodio... per non parlare della crociera, dove stai sul mare 24 ore a giorno, un vero toccasana!
Continua a regalarci immagini ed emozioni :O), un raggio di sole,
Sabrina (incastrata dall'allergia)

 
At 10:49 AM, Anonymous Anonimo said...

caspita proprio brava e lo dico con cognizione di causa visto che mia sorella è pittrice. http://leartidimenticate.blogspot.com/ vieni a trovarmi siamo di Milano entrambe

 
At 6:03 PM, Anonymous Anonimo said...

Molto bello il quadretto ad acquerello, buona la profondità di campo.Brava continua così.

 

Posta un commento

<< Home

Pericardial Mesothelioma
cursore:
Free Cursors